A proposito di “No Fly Zone”

16508762_1629660134007409_6615721686461196751_n

Lo scorso 8 Febbraio abbiamo purtoppo constatato che, ancora una volta, la spettacolare Val d’Agri – proprio dove è incorniciata dalle maestose Murge di Sant’Oronzo, dove volano i grifoni, dove trovano rifugio gli ultimi lanari e capovaccai – è stata utilizza come spazio per le esercitazioni dell’Aeronautica Militare Italiana.

16640996_1629660217340734_2522577233739297622_n

Tanto preoccupati per il nocumento recato alla delicata avifauna locale, quanto per il rischio di collisione e possibili gravi conseguenze per gli equipaggi degli aeromezzi e di chiunque si trovi nell’area sottostante – il grifone ha un’apertura alare di quasi 3 m ed una massa che si aggira intorno ai 10 kg – si è deciso di scrivere una missiva al Gen. S.A. Settimo Caputo, in cui si segnalava l’elevato rischio di “bird-strike” nella zona delle Murge di Sant’Oronzo.

Leggi qui la nostra Comunicazione all’Aeronautica Militare.

L’Aeronautica Militare Italiana, nelle persone del Gen. S.A. Settimo Caputo e del B. Gen. C.C.r.n. Antonio De Rosa, che ringraziamo sentitamente, ha subito mostrato sensiblità per quanto comunicato e assicura che saranno prese tutte le necessarie precauzioni (volo a bassa e bassissima quota? n.d.r.) per prevenire possibili “bird-strike” nella zona.

Qui trovi la Risposta dell’Aeronautica Militare.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...