L’ultimo capovaccaio selvaggio d’Italia

Ero lì, quasi sempre da solo, ad attendere l’arrivo della primavera, quando l’aria ancora fredda e le gelate potevano colpire i mandorli ed i pruni in fiore. Finalmente l’orizzonte ampio e lucente incorniciò il loro ritorno, facendo così svanire l’ansia che mi aveva accompagnato costantemente.
Continua a leggere l’articolo su Animal Trip

 

Testo di Luigi Apicella, foto di Vincenzo Torzullo per Animal Trip

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...